4 giugno 2017
di LIM - Laboratorio Interattivo Manuale
0 commenti

Idee per le vacanze

Le vacanze sono davvero alle porte, così abbiamo pensato di raccogliere in questo post le nostre proposte per l’estate!

Inanzitutto ricordate ai vostri alunni di raccogliere foto, volantini, biglietti, materiali e ricordi per realizzare il lapbook LE MIE VACANZE!

Sarà un modo per ripartire a settembre in maniera creativa e divertente!

Durante l’estate ovviamente c’è tempo per fare tante cose… anche leggere un bel libro!

Io mi rendo conto di essere veramente in vacanza quando riesco a sedermi in poltrona ad assaporare qualche bel romanzo…

Per l’occasione abbiamo raccolto alcuni titoli e collane che secondo noi sono validi:

ETTURE PER LA CLASSE 1^: Libri_Consigliati_per_l’estate_classe_1^_LIM

LETTURE PER LA CLASSE 2^: Libri_Consigliati_per_l’estate_classe_2^_LIM

LETTURE PER LA CLASSE 3^: Libri_Consigliati_per_l’estate_classe_3^_LIM

LETTURE PER LA CLASSE 4^: Libri_Consigliati_per_l’estate_classe_4^_LIM

LETTURE PER LA CLASSE 5^: Libri_Consigliati_per_l’estate_classe_5^_LIM

LETTURE PER TUTTE LE CLASSI: Libri_Consigliati_per_l’estate_LIM

 

Ovviamente una volta letto un libro si può richiederne la schedatura, magari con il lapbook HO LETTO UN LIBRO!

Anche se personalmente preferisco che i miei ragazzileggano per il piacere di farlo e senza l’incombenza di dover scrivere la relazione. Di gran lunga preferisco che me ne parlino a voce al rientro!

Se poi volete prepararvi al momento della lettura con creatività, fate preparare uno di quest segnalibri ai bambini prima dell’inizio delle vacanze!

 

 

Un’altra proposta molto valida è quella di chiedere ai bambini di scriverci una lettera in cui ci raccontano di una bella esperienza fatta durante l’estate. In questo modo i bambini svolgeranno un tema con il fine di entrare in comunicazione con noi! Di questa esperienza abbiamo parlato l’anno scorso nel post Scrivimi una lettera.

designed by Luis_molinero – Freepik.com

 

Infine consigliate ai ragazzi di raccogliere qualche conchiglia o qualche sasso durante le loro escursioni, così a settembre potrete realizzare le campane a vento, il porta penne con le conchiglie e le piante grasse!

     

Non ci resta che lasciarvi questa cartolina con una bella poesia di Gianni Rodari sulle vacanze!

Potrebbe essere il vostro biglietto di buone vacanze per i bambini!

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

25 maggio 2017
di LIM - Laboratorio Interattivo Manuale
0 commenti

ARCHEOPLANET: XII PALEOFESTIVAL 2017

Il 27-28 maggio ritorna la manifestazione “Paleofestival” che quest’anno festeggia la sua dodicesima edizione.

L’evento, nato nel 2005 da un’idea di Donatella Alessi, conservatore del museo civico archeologico, ed Edoardo Ratti, archeologo divulgatore e archeotecnico, ha come scopo quello di divulgare l’archeologia attraverso un approccio didattico attivo e l’esperienza diretta.

La manifestazione è ospitata nel Museo del Castello San Giorgio di La Spezia e accoglie numerosissimi esperti, musei, parchi archeologici e associazioni da tutta Italia. L’evento diventa così non solo un luogo dove incontrare il pubblico, ma anche una piazza dove gli esperti del settore hanno modo di conoscersi e confrontarsi.

Questa sarà la sesta edizione alla quale partecipo.

Ho avuto il piacere di conoscere l’evento nel 2009, quando ho accompagnato Renato Fasolo del parco archeologico “Archeoland – Lupo Azzurro” in qualità di assistente. Quell’anno il laboratorio che abbiamo tenuto è stato “Con le mani e con i piedi: interpretazione delle impronte nelle varie realtà preistoriche”. Quest’anno, dopo numerosi anni, il laboratorio verrà riproposto.

Dopo la fine degli studi, sono tornata al festival non più come assistente ma professionista ARCHEOPLANET.

Nel 2012 ho proposto il laboratorio “Decorazione e pittura corporale: l’etnoarcheologia”, un’attività che mescolava archeologia ed etnologia mettendo a confronto il passato con i popoli detti “primitivi moderni”. I bambini si decoravano il capo con piume e conchiglie e i loro volti venivano dipinti, poi tutti insieme si eseguiva una danza.

 

Nel 2013 ho proposto il laboratorio Tra pittura ed idea: il cavallo da immagine ad ideogramma”, un laboratorio del ciclo “La storia della scrittura” che metteva in risalto come in alcune culture, in questo caso quella cinese, la scrittura stessa sia un elemento archeologico in quanto scrittura fossile. La scrittura cinese infatti non ha mai subito variazioni per 2000 anni e permette l’interpretazione dei testi più antichi. Bambini e adulti hanno avuto la possibilità di sperimentare a scrivere l’ideogramma del cavallo.

Nel 2015 ho proposto il laboratorio “Il concetto di spirale nelle decorazioni dei vasi neolitici e il suo simbolismo”, un’attività che mostra come uno dei simboli naturali per eccellenza: la spirale, abbia interessato fin dall’antichità i popoli e sia entrato nel simbolismo di culture molto distanti tra loro. L’excursus prevedeva un’analisi di come questo elemento fosse utilizzato nei vasi di popoli di continenti diversi. I bambini hanno realizzato un elemento decorativo in argilla della cultura che più li aveva colpiti.

Nel 2016 ho proposto il laboratorio “Ludus duoedecimscriptorum: un gioco di epoca romana”, laboratorio che proporrò anche per l’edizione del 2017.

Il Ludus duodecimscriptorum è un gioco di epoca romana che si gioca a coppie. Ogni partecipante ha le proprie pedine e deve fare in modo di far percorrere ad ognuna di esse il cammino senza farsi mangiare dall’avversario. Il primo che mette in salvo tutte le pedine vince. Le regole sono molto semplici, ma l’uso particolare dei dadi permette di sviluppare numerose strategie.

Il laboratorio è rivolto a bambini e adulti compresi nella fascia: +7 – 99 😉

L’unico requisito richiesto è saper contare e fare le somme!

Alla pagina 2017 di questo link trovate il programma completo dell’evento.

Il castello è diviso in aree tematiche: nel parco troverete l’area delle sperimentazioni, nella terrazza bassa troverete l’area dedicata alla preistoria e nella terrazza alta l’area dedicata alle civiltà antiche.

Mi trovate nello stand N in terrazza alta con i seguenti orari: sabato 27 dalle ore 16.00 alle ore 18.00 e domenica 28 dalle 15.30 alle 16.30. Dalla mia postazione potrete godere di una vista mozzafiato della città e del golfo di La Spezia.

L’evento si terrà anche in caso di brutto tempo all’interno delle sale del castello.

Qui potete vedere il servizio realizzato da Tele Ligurua Sud

 

Scoprite anche i laboratori di archeologia sperimentale che Ginevra organizza nelle scuole!

Salva

Salva

Salva

SalvaSalva

Salva

24 maggio 2017
di LIM - Laboratorio Interattivo Manuale
0 commenti

HO PENSATO UN LAPBOOK: GLI ANIMALI

La sezione “HO PENSATO UN LAPBOOK” dedicata ai Lapbook e Minibook realizzati dalle insegnati del gruppo “Lapbook: Aprendo… Apprendo!!!” si arricchisce di un nuovo contenuto!

Oggi ci invia il suo lavoro, precedentemente condiviso nel gruppo, Mary Grosso. Si tratta di un lapbook dedicato agli animali. Il suo lavoro è stato realizzato per la classe prima della Scuola Primaria!

  

La scheda con il progetto e alcuni allegati da stampare la trovate nella sezione scienze classe prima Scuola Primaria

Ringraziamo Mary per aver condiviso questo lavoro con noi!

Salva

Salva

Salva

21 maggio 2017
di LIM - Laboratorio Interattivo Manuale
2 commenti

BUONE PRATICHE: Adozione alternativa!

Qualche settimana fa la collega Lella Sangiorgio ci aveva contattate per qualche suggerimento in merito alla scelta di testi per l’adozione alternativa, ne è nato uno scambio epistolare interessante… era infatti da tempo che Giuditta stava pensando a questa possibilità, per la sua classe, e così abbiamo chiesto a Lella di raccontarci un po’ nel dettaglio come ha strutturato il progetto e come ha gestito questo tipo di materiale.

Le sue proposte erano così interessanti che abbiamo realizzato una vera e propria intervista che condividiamo con voi!

La collega ha alle spalle diversi anni di sperimentazione, ma per rendere la narrazione dell’esperienza più chiara si è deciso di focalizzare l’attenzione sul primo biennio della Scuola Primaria,  in  modo da vedere come partire con questo progetto.

 

DA QUANTO INSEGNI, IN QUALE CLASSE E SU QUALI AMBITI?

Insegno da 40 anni, ma solo da 23 sono di ruolo. Da precaria ho insegnato in tutti gli ambiti, ma da quando sono di ruolo ho avuto l’assegnazione dell’ambito linguistico. In questo ciclo, ora sono in 4, ho un doppio ambito: quello linguistico e quello antropologico con 17 ore di docenza frontale legata alle seguenti discipline:

  • 7 ore di lingua
  • 2 ore di arte e immagine
  • 1 ora di musica
  • 2 ore di scienze
  • 2 ore di storia
  • 2 ore di geografia
  • 1 ora di tecnologia.

COME MAI HAI SCELTO DI NON ADOTTARE IL LIBRO DI LETTURA A FAVORE DELL’ADOZIONE ALTERNATIVA?

Nel corso degli anni mi sono sempre trovata a dover utilizzare un libro che non avevo scelto e con il passare del tempo mi sono sempre più resa conto che nessun libro rispondeva alle mie esigenze, mi ingabbiava troppo, mi incatenava con la scelta di letture che spesso non incontravano il mio gusto. Due cicli fa, su suggerimento di una carissima collega, ho provato ad intraprendere la strada della scelta alternativa. Il mio è stato un salto nel buio perché era una cosa per me nuova.

Devo dire che è stata una vera e propria liberazione!

Ormai un libro di testo è una vera e propria “biblioteca” perché corredato di tanti volumi………..quello dell’arte, quello della scrittura creativa, quello della grammatica con poco spazio per la risoluzione degli esercizi che spesso  sono ripetitivi, inutili e banali. Io invece desideravo qualcosa di innovativo che facesse venire la voglia di leggere, prima a me, e poi ai miei alunni. Così mi sono buttata in questa nuova avventura. Nel ciclo precedente avevo fatto la scelta alternativa anche per il sussidiario delle discipline… quanto lavoro!

Ma quando poi la collega mi ha chiesto di comperare per le sue discipline di scienze e geografia un eserciziario, ho capito che forse la mia scelta non era da tutti condivisa e così ho optato per l’adozione del sussidiario delle discipline in modo da avere un testo in appoggio.

IN QUALI QUANTITÀ COMPRI UN LIBRO? UNA COPIA PER TITOLO? 

Compero una copia di ogni libro per avere più varietà possibile. In questo ciclo abbiamo acquistato libri in CAA (Comunicazione Aumentativa Alternativa) per una bambina che non parla.

DI ANNO IN ANNO I LIBRI SI AGGIUNGONO AGLI ALTRI O QUELLI PIÙ VECCHI LI PASSATE ALLE ALTRE CLASSI?

I libri dell’anno precedente li teniamo in classe o li portiamo nella biblioteca della scuola.
CI DESCRIVI ALCUNI ESEMPI DI LIBRI E ATTIVITÀ PER LE DIVERSE CLASSI IN CUI HAI SPERIMENTATO QUESTA SCELTA?

Da 9 anni a questa parte l’utilizzo dei libri acquistati con la scelta alternativa o da me personalmente  vengono usati in molteplici modi.

Personalmente scelgo un libro tenendo conto degli ambiti di mia competenza.

Quando in prima mi sono ritrovata ad affrontare in storia il tempo ciclico, la giornata, la settimana ecc… ho letto  questi due libri, li ho riprodotti facendo completare ai bambini alcuni disegni anche in modo tridimensionale IN ARTE E TECNOLOGIA.

 

 

Sempre con questi libri abbiamo fatto la comprensione del testo e approfondito la parte grammaticale isolando le azioni (che abbiamo chiamato PAROLE PER FARE) i nomi propri e comuni (che abbiamo chiamato PAROLE PER CHIAMARE), aggettivi (che abbiamo chiamato PAROLE PER DIRE COME È). Abbiamo poi parlato dell’ambiente fattoria affrontando anche alcuni concetti topologici, GEOGRAFIA, e in SCIENZE abbiamo parlato degli animali che vivono in tale ambiente. In MUSICA abbiamo riprodotto i versi degli animali e imparato alcune canzoni che parlano di animali.

Altro esempio: per affrontare in modo più accattivante i concetti topologici, abbiamo letto

 

Tutti i libri sono stati riscritti, disegnati e con alcuni spazi o disegni da completare in modo da riservare ai bambini una parte attiva.

In storia abbiamo letto:

 

un libro sul compleanno e uno sul Natale.

Ogni volta con una parte da ritagliare, incollare, disegnare, colorare.

Ovviamente accanto ad ogni libro riservavo una parte di lingua: il racconto orale di ciò che avevamo letto, le sequenze, la grammatica, l’ortografia.

Gli ambienti in geografia:

 

In classe seconda, abbiamo utilizzato i seguenti libri:

LA MIA FAMIGLIA ED. ARKA. per parlare della storia personale;

L’OMINO DELLA PIOGGIA di Rodari per il ciclo dell’acqua;

MUCCA MOKA E LA MONTAGNA per parlare dell’ambiente montagna;

GIULIO CONIGLIO SULLA NEVE, LA NUVOLA OLGA E IL VENTO, NUVOLA OLGA E IL TEMPORALE, NUVOLA OLGA E LA NEBBIA per parlare dei fenomeni atmosferici;

LA PECORA ORNELLA per parlare del percorso della lana;

LE STORIE DELL’ALBERO GIOVANNI per il susseguirsi delle stagioni;

IN UNA NOTTE DI TEMPORALE per parlare della diversità che in alcuni casi può far nascere un’amicizia;

LE STORIE DI NATALE IN VIA DELLA SOGLIOLA per il Natale;

IL GATTO di BEETHOVEN per fare musica e parlare di un grande musicista e conoscere l’Inno alla Gioia;

QUANDO ARRIVA UN FRATELLINO per parlare di un nuovo arrivo in famiglia;

IL  MIO PINOCCHIO ;

Tantissimi libri di GIULIO CONIGLIO e dei suoi amici.

 

COME GESTISCI L’ESERCIZIO AD ALTA VOCE IN CLASSE PRIMA E SECONDA? 

Onestamente devo ammettere che non riservato molto tempo alla lettura collettiva. È una classe numerosa, 27 alunni, per cui la turnazione della lettura risulta dispersiva o occasione di “anarchia lavorativa” per qualcuno che non ascolta, non tiene il segno, non ha pazienza di aspettare il proprio turno.

I LIBRI COME VENGONO PROPOSTI? LETTURA DELLA MAESTRA O LEGGONO I BAMBINI?

Leggiamo le storie, che i bambini hanno nei vari raccoglitori in copia, perché su di esse lavoriamo come fossero testi.

COSA DICONO I GENITORI DI QUESTA SCELTA?

I genitori si fidano e apprezzano

COSA DICONO I BAMBINI?

I bambini prendono i libri che a loro piacciono. Non c’è obbligo di scheda libro. Non obbligo a fare nessun lavoro di verifica sui libri letti perché, da mamma, ho una brutta esperienza. Voglio che i bambini leggano per piacere e non per dovere.

CONTINUERAI CON QUESTA MODALITÀ ANCHE IN FUTURO?

Sicuramente sì. La trovo stimolante per me che devo continuamente ricercare i libri che mi servono nella pratica quotidiana e vado incontro ai gusti dei bambini. Inoltre i libri di testo stanno facendo una gara a “chi offre di più” in quanto a libri alternativi… quello di scrittura, di arte, l’eserciziario di grammatica… che non si sposano sicuramente con il mio modo di fare scuola.

 

Ringraziamo Lella per il tempo dedicato a rispondere prima alle mail e poi a questa lunga intervista!

Siamo sicure che l’esperienza qui raccontata potrà essere un ottimo spunto di riflessione, e chissà… magari di una scelta coraggiosa per il prossimo anno!

Se siete interessati all’adozione alternativa vi segnaliamo un articolo dell’Associazione Italiana Scrittori per Ragazzi che ha pubblicato delle ISTRUZIONI PER L’USO!

 

 

Salva

Salva

16 maggio 2017
di LIM - Laboratorio Interattivo Manuale
2 commenti

COMING SOON: A SETTEMBRE 2017 i nuovi quaderni operativi!!!

“Ma che fine avranno fatto Giuditta e Ginevra?” vi starete chiedendo…

già il 26 aprile avevamo annunciato il nostro impegno nella stesura delle ultime bozze del nuovo quaderno operativo di matematica per la classe quarta, al quale è seguita la conseguente ultima corsa per le bozze di quello di italiano… ma non è ancora finita! Nelle prossime settimane, infatti, saremo occupate nel preparare i prototipi dei lapbook per la sessione fotografica, in modo che sia tutto pronto prima della pausa estiva… perchè quest’anno i quaderni operativi usciranno a settembre!!!

Le copertine cambieranno colore

I due volumi conterranno i seguenti titoli:

ITALIANO, STORIA E GEOGRAFIA:

  • Le tipologie tesuali
  • I generi letterari
  • Gli Egizi
  • L’orientamento e le carte geografiche

MATEMATICA E SCIENZE:

  • Le frazioni
  • L’Euro
  • Gli esseri viventi

Eccovi una piccola anteprima di alcuni lapbook!

 

Al momento trovate disponibili i volumi della classe 3^ e il manuale per imparare a creare lapbook originali e personalizzati!

                     

Salva

Salva

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: